Meteo Italia. Centro-Sud bersagliato dal maltempo

Il vortice depressionario insisterà sull'Italia per molti giorni. Ecco la tendenza meteo fino alla fine di gennaio

| Redatto da Giovanni Dipierro

Meteo: maltempo persistente. La tendenza dal 21 al 30 gennaio

La circolazione dell’attuale settimana vede l’insistenza di un’area depressionaria sulle nostre regioni centro-meridionali che richiama aria molto fredda con maltempo di stampo invernale (neve a bassa quota) soprattutto sul medio Adriatico e temperature ben sotto la norma. L’anomalia termica negativa è più accentuata al Nord dove però prevalgono schiarite e tempo asciutto. La stazionarietà di questa configurazione è dovuta all’abbraccio di solido un anticiclone di blocco (picchi massimi sull’Europa centrale prossimi ai 1040 hPa) che la isolerà dal flusso delle correnti occidentali che scorreranno a latitudini artiche.

Nel fine settimana all’inizio del periodo in esame (21-22 gennaio) un minimo di pressione secondario, temporaneamente allontanatosi verso la penisola iberica e in riavvicinamento da sudovest dal Nord Africa, determinerà una nuova recrudescenza del maltempo al Centrosud a iniziare dalle Isole maggiori. Fenomeni anche forti si prospetterebbero per le Isole, la Calabria e l’alto settore ionico mentre le regioni settentrionali ancora una volta sembrano rimanere ai margini.

L’area depressionaria insisterà anche nei primi giorni della prossima settimana, tra lunedì 23 e mercoledì 25, con effetti per lo più concentrati tra il medio Adriatico, il Sud e le Isole. Nel contempo il corridoio anticiclonico di blocco tenderà progressivamente ad assottigliarsi da nord con il flusso occidentale che riguadagnerà spazio verso l’Europa centrale. Il suo sfaldamento si completerà giovedì 26 permettendo nei giorni successivi un graduale ritorno delle correnti occidentali anche sul nostro Paese. Inizialmente saranno più marginali e con una curvatura anticiclonica, sintomo di tempo stabile e asciutto per le nostre regioni; poi tra domenica 29 e gli ultimi giorni del mese si abbasseranno maggiormente di latitudine acquisendo una direttrice nord-occidentale; anche in questa configurazione comunque saranno probabilmente responsabili di pochi fenomeni al Centrosud mentre il Nord, protetto dall’arco alpino, dovrebbe proseguire la sua fase siccitosa. Dal punto di vista termico l’andamento descritto si tradurrà nella graduale attenuazione dell’anomalia termica negativa con temperature, inizialmente ben sotto le medie, in risalita verso valori già più vicini alla norma intorno al 21-23 del mese e passaggio a valori anche miti per il periodo dopo il 25 e soprattutto negli ultimi giorni del mese.
Se questa prospettiva si confermasse il 2017 contraddirebbe la tradizione che vuole i giorni della Merla, ossia gli ultimi tre giorni di gennaio, come i più freddi dell’anno. Ricordiamo comunque che si tratta di una credenza popolare che non è supportata dalle statistiche climatologiche.


IdA: < 70

Meteo: maltempo persistente. La tendenza dal 21 al 30 gennaio

Cosa succederà nelle prossime ore?
Meteo Giornale: previsioni meteo, cronaca e tendenza dei prossimi giorni

Previsione

La primavera alza la voce

La primavera alza la voce

Tra venerdì e domenica clima da primavera inoltrata. Residua instabilità nelle Isole

Ultime news

Le news più lette