Meteo. Epifania 2017 sotto la bufera: gelo e neve in arrivo

La Bufera dell'Epifania è in arrivo. Da giovedì sul medio adriatico e al Sud ci attendono giornate di ghiaccio e neve in arrivo fino al livello del mare

| Redatto da Meteo.it

Bufera dell'Epifania: gelo e neve in arrivo
Le festività si concluderanno con un’Epifania da brividi, all’insegna di una vera e propria bufera, con nevicate e gelidi venti burrascosi fino a 100 km/h che accentueranno notevolmente la sensazione di gelo. In queste condizioni le temperature rimarranno in alcuni casi sottozero anche durante il giorno (le cosiddette giornate di ghiaccio) e le nevicate sono attese a quote molto basse fino al livello del mare.

Il Nord resterà escluso dunque da questa potente ondata di gelo e neve ed infatti sulle Alpi cadranno pochi fiocchi di neve solo sui rilievi di confine più settentrionali. La neve cadrà anche abbondate invece sull'Appennino centro-meridionale con accumuli complessivi che supereranno addirittura 1 metro di neve fresca sull'Appennino abruzzese.

Neve in arrivo: controlla QUI la mappa dell'innevamento previsto

La causa è l'arrivo, ormai imminente di un impulso di aria freddissima di origine artica, accompagnato da forti venti settentrionali che favorirà nevicate inizialmente a quote collinari e poi, tra la notte di giovedì e sabato, con l’ingresso del nucleo più gelido, anche al livello del mare sul medio versante adriatico e al Sud.

► Controlla le previsioni meteo regionali su Meteo Regioni

Meteo. Epifania 2017 sotto la bufera: gelo e neve in arrivo  | NEWS METEO.IT

Neve in arrivo a partire da giovedì

Giovedì, al mattino le precipitazioni saranno diffuse, anche a carattere di rovescio, sul medio Adriatico, al Sud peninsulare e nel nord della Sicilia, con quota neve in calo fino a 400-600 metri tra Marche e Molise. Residue nevicate interesseranno le zone alpine di confine della Lombardia e dell’Alto Adige mentre ampie schiarite prevarranno sulle pianure del Nordovest, in Emilia e sul medio Tirreno.

Nella seconda parte della giornata i fenomeni, a carattere più sparso e intermittente, interesseranno le stesse aree con un calo del limite delle nevicate. Non si escludono fenomeni temporaleschi tra nord-est della Sicilia, Calabria e Salento.
Infine, tra sera e notte sul medio Adriatico fino al nord della Puglia la neve potrà raggiungere anche il livello del mare.
In tutta Italia i venti saranno forti e settentrionali: al Centrosud si raggiungeranno anche raffiche fino a 60-90 km/h. Le temperature saranno in rialzo nelle minime, mentre in giornata subiranno un progressivo e sensibile calo.

Neve in arrivo a partire da giovedì

Bufera dell'Epifania: giornate di ghiaccio e neve fino a bassa quota

Le correnti gelide settentrionali insisteranno anche nella giornata dell’Epifania e saranno accompagnate ancora da nevicate che interesseranno non solo le colline interne ma probabilmente anche molti tratti costieri del medio-basso Adriatico, Basilicata, Calabria e nord della Sicilia. Qualche fiocco di neve quindi sulle coste sarà possibile anche sullo Ionio e nell’area dello stretto.
Il tempo sarà invece ben soleggiato al Nord, sul medio-tirreno e sulla Sardegna occidentale anche se il clima sarà freddo con minime anche abbondantemente sotto lo zero e massime difficilmente oltre i 7-8 gradi.

Sabato il tempo comincerà a migliorare anche sul medio Adriatico, mentre le precipitazioni nevose anche a quote basse potranno interessare in forma isolata Puglia, alto Ionio e nord-est della Sicilia. I venti settentrionali cominceranno ad attenuarsi. 

Bufera dell'Epifania: giornate di ghiaccio e neve fino a bassa quota

Fra venerdì e sabato saranno probabili giornate di ghiaccio (giornate in cui la temperatura pomeridiana non supera lo zero) nelle zone interessate dalle nevicate comprese le zone colpite dal terremoto. I venti forti settentrionali, con raffiche fino a 80-100 km/h, cominceranno ad attenuarsi al Nord nella giornata dell’Epifania e al Centro-Sud tra sabato e domenica. Tra giovedì e venerdì mari molto agitato o grossi al Centrosud con onde dai 4 ai 6 metri.

La sensazione di freddo verrà accentuata dai forti venti gelidi per effetto del raffreddamento da vento (wind chill), ossia quel fenomeno per il quale, in presenza di vento, la sensazione di temperatura percepita dal nostro organismo risulta essere inferiore rispetto alla temperatura effettiva dell'aria. Il valore di wind chill viene calcolato conoscendo i valori della temperatura dell'aria e dell'intensità del vento.

Meteo. Epifania 2017 sotto la bufera: gelo e neve in arrivo  | NEWS METEO.IT

Previsione

La primavera alza la voce

La primavera alza la voce

Tra venerdì e domenica clima da primavera inoltrata. Residua instabilità nelle Isole

Ultime news

Le news più lette