Marzo 2015: caduta il doppio della pioggia

L’evento principale del mese è stato sicuramente l’irruzione della violenta perturbazione di stampo invernale a partire dal giorno 4, accompagnata da un profondo ciclone che ha innescato venti di tempesta fra le regioni del medio-alto Adriatico e quelle del Ligure e medio-alto Tirreno. In particolare dalle stazioni ufficiali sono stati osservati venti fino a 140 km/h fra Appennino settentrionale, Liguria e Toscana, con numerosi danni e ben 5 vittime. Fra i vari danni soprattutto alberi spezzati o sradicati: significativa la “strage” di pini marittimi nel parco della Versiliana. Naturalmente l’aria artica che si è riversata sulla Penisola ha determinato bufere di neve a bassissima quota sull’Appennino centro-settentrionale, oltre a precipitazioni abbondanti al Centrosud.

Marzo 2015: caduta il doppio della pioggia | NEWS METEO.IT

In generale è stato un mese turbolento con poche pause tranquille e molte precipitazioni: a livello nazionale è piovuto quasi il doppio del normale. Dal punto di vista termico si sono avute diverse oscillazioni, ma con uno sbilanciamento verso anomalie positive: poco più di mezzo grado a livello nazionale.

A livello continentale hanno dominato strutture anticicloniche sui Paesi centro-settentrionali, mentre l’area mediterranea è stata spesso preda di depressioni che hanno, appunto, determinato i numerosi periodi perturbati. 

Marzo 2015: caduta il doppio della pioggia | NEWS METEO.IT


Pubblicato da Meteo.it

Redatto da Simone Abelli 

 

Marzo 2015: caduta il doppio della pioggia | NEWS METEO.IT

Previsione

La primavera alza la voce

La primavera alza la voce

Tra venerdì e domenica clima da primavera inoltrata. Residua instabilità nelle Isole

Ultime news

Le news più lette