Improvvisa moria di pesci nel canale romano

Sabaudia: allarme inquinamento nel canale che collega il mare al lago di Paola. Circa 6 quintali di pesci uccisi probabilmente da sostanze chimiche.

| Redatto da Meteo.it

Allarme inquinamento sulla costa del Lazio: ammontano a circa sei quintali i pesci trovati morti nel canale romano al confine tra Sabaudia e San Felice Circeo, all’interno del Parco Nazionale del Circeo, una delle aree protette più antiche d’Italia. Saraghi, cernie, spigole, anguille, cefali e perfino meduse sono stati trovati senza vita nella mattinata di domenica 7 maggio: la causa più probabile di un fenomeno così drammatico, un’ondata di sostanze chimiche su cui sono ora incorso indagini.

Improvvisa moria di pesci nel canale romano | NEWS METEO.IT

Il direttore del Parco Nazionale del Circeo ha immediatamente richiesto l’intervento delle autorità: guardia costiera e carabinieri forestali si stanno occupando di compiere tutti gli accertamenti del caso e i tecnici dell’Arpa Lazio, l’agenzia regionale per la protezione dell’ambiente, stanno effettuando campionamenti in tutta l’area. Tra le maggiori preoccupazioni c’è anche la sicurezza della balneazione, questione resa sempre più urgente dall’avvicinarsi della stagione estiva.

Improvvisa moria di pesci nel canale romano | NEWS METEO.IT

Previsione

La primavera alza la voce

La primavera alza la voce

Tra venerdì e domenica clima da primavera inoltrata. Residua instabilità nelle Isole

Ultime news

Le news più lette