Incendi in Spagna e Portogallo

Caldo e siccità non danno tregua: più di mille ettari andati in fumo negli ultimi giorni in Portogallo

| Redatto da Meteo.it

Spagna e Portogallostanno vivendo settimane di caldo fuori stagione. Il clima qui è ancora estivo con temperature pomeridiane che, a Cordova e Siviglia, raggiungono i 33 gradi da almeno dieci giorni con picchi di 35-36°C raggiunti anche ad Evora. Se in Italia finora abbiamo avuto temperature sotto media, sulla Penisola Iberica i valori si sono mantenuti dai 3 ai 7°C oltre la norma per la prima decade di ottobre.
Le temperature elevate e l'assenza di pioggia non fanno altro che aumentare il rischio di incendi, ed infatti, sono almeno una decina i roghi attivi in questi giorni localizzati nei settori centro-settentrionali del Portogallo e nella Galizia.

► Diavolo di fuoco emerge dalle fiamme di un incendio in Portogallo

Solo in Portogallo sono più di 1.000 ettari sono andati in fumo nell'ultima settimana. L'incendio peggiore è situato a Pampilhosa da Serra dove la situazione è peggiorata nella giornata di ieri a causa dei venti, che si sono intensificati. Fortunatamente nelle vicinanze non sono presenti abitazioni o edifici, ma l'incendio non è stato ancora domato. Altri incendi minori sono scoppiati nelle zone interne, all'altezza della città di Porto. Il fumo nero è visibile anche dal satellite, e queste immagini scattate da Sentinel 2 Copernicus documentano quanto sta succedendo.

Incendi in Portogallo - Foto Sentinel Hub Copernicus
Incendi in Portogallo - Foto Sentinel Hub Copernicus
Incendi in Portogallo - Foto Sentinel Hub Copernicus
Incendi in Portogallo - Foto Sentinel Hub Copernicus
Incendi in Portogallo - Foto Sentinel Hub Copernicus
Incendi in Portogallo - Foto Sentinel Hub Copernicus
Incendi in Portogallo - Foto Sentinel Hub Copernicus
Incendi in Portogallo - Foto Sentinel Hub Copernicus
Incendi in Portogallo - Foto Sentinel Hub Copernicus
Incendi in Portogallo - Foto Sentinel Hub Copernicus

Clima in Europa: cosa sta succedendo?

Nel sud-ovest del continente l’Anticiclone delle Azzorre continua a portare stabilità tentando, nel contempo, di guadagnare terreno verso est. All'inizio della settimana tenderà ad estendere la propria influenza sull'Europa centro-meridionale portando condizioni di tempo sempre più stabile anche in Italia. Verso il prossimo fine settimana la vasta area anticiclonica occuperà gran parte del continente assumendo anche una componente nord-africana; di conseguenza, sarà inevitabile un generale aumento delle temperature, con valori in gran parte oltre la media, accompagnato da una sostanziale assenza di precipitazioni significative.

Nella seconda parte della settimana l’espansione dell’anticiclone delle Azzorre sul nostro Paese garantirà condizioni di tempo stabile e in prevalenza soleggiato, con un clima più mite. Questa situazione impedirà l’arrivo di perturbazioni sul nostro Paese almeno fino a tutto il prossimo weekend, determinando un’anomala assenza di piogge proprio in un mese, quello di ottobre, che invece dovrebbe essere tra i più piovosi. Inoltre la stabilità atmosferica, con il passare dei giorni, favorirà anche la formazione di foschie e un incremento della concentrazioni degli inquinanti.

Clima in Europa: cosa sta succedendo?

Previsione

La primavera alza la voce

La primavera alza la voce

Tra venerdì e domenica clima da primavera inoltrata. Residua instabilità nelle Isole

Ultime news

Le news più lette