Forte maltempo: soltanto la Protezione Civile può diramare l'allerta meteo

La Protezione Civile può diramare diversi livelli di criticità a seconda delle criticità previste sul territorio

| Redatto da Meteo.it

Si profila una fase di forte maltempo per il Centro-nord e in particolare per la Liguria, la Lombardia e il Nordest. La perturbazione che ha raggiunto l’Italia, già la sesta di questo mese di marzo, domenica coinvolgerà il nostro Paese con la sua parte più attiva portando piogge battenti, abbondanti e nevicate sulle Alpi a partire dai 1200 metri di quota. Per la Liguria si configura dunque una fase di maltempo molto intenso, con possibili forti rovesci o temporali e accumuli di pioggia abbondanti. Grandi quantità di pioggia, localmente superiori ai 50 litri su metro quadrato e punte a ridosso dell’Appennino anche intorno ai 70-80, potrebbero accumularsi in poche ore. Venti tesi meridionali interesseranno anche il Mar ligure con il mare che sarà molto mosso.

Forte maltempo:  soltanto la Protezione Civile può diramare l'allerta meteo | NEWS METEO.IT

In questi ultimi giorni sono state diffuse false notizie su un’allerta rossa per la Liguria. Per ora l’allerta vigente è quella gialla, valida fino alle 20 di domenica. Per domenica 11 marzo vige un'allerta arancione di moderata criticità per rischio idraulico su Emilia Romagna: Bacini emiliani occidentali, Bacini emiliani centrali, Pianura e costa romagnola, Bacini romagnoli, Bacini emiliani orientali, Pianura emiliana orientale e costa Ferrarese, Pianura e bassa collina emiliana occidentale, Pianura emiliana centrale, Toscana: Bisenzio e Ombrone Pt, Serchio-Garfagnana-Lima, Serchio-Costa, Lunigiana, Serchio-Lucca. Allerta arancione di moderata criticità per rischio idrogeologico su Emilia Romagna: Bacini emiliani occidentali, Bacini emiliani centrali, Pianura e costa romagnola, Bacini romagnoli, Bacini emiliani orientali, Pianura e bassa collina emiliana occidentale. Toscana: Bisenzio e Ombrone Pt, Serchio-Garfagnana-Lima, Serchio-Costa, Lunigiana, Reno, Serchio-Lucca, Versilia. Allerta gialla per rischio idraulico su Liguria: Bacini Liguri Marittimi di Levante, Bacini Liguri Padani di Ponente, Bacini Liguri Padani di Levante, Bacini Liguri Marittimi di Ponente, Bacini Liguri Marittimi di Centro. Lombardia: Valcamonica, Lario e Prealpi occidentali, Bassa pianura occidentale, Laghi e Prealpi orientali, Nodo idraulico di Milano, Pianura centrale Toscana: Mugello-Val di Sieve. Ordinaria criticità per rischio temporali su Lazio: Aniene, Bacino del Liri, Appennino di Rieti, Bacino Medio Tevere, Bacini Costieri Nord. Liguria: Bacini Liguri Marittimi di Levante, Bacini Liguri Padani di Ponente, Bacini Liguri Padani di Levante, Bacini Liguri Marittimi di Ponente, Bacini Liguri Marittimi di Centro. Lombardia: Appennino pavese.  Umbria: Medio Tevere, Chiani - Paglia, Alto Tevere, Nera - Corno, Trasimeno - Nestore, Chiascio - Topino.
Non appena riceveremo informazioni su un diverso livello di allerta ne daremo notizia, nel pieno rispetto delle Autorità competenti.

Forte maltempo:  soltanto la Protezione Civile può diramare l'allerta meteo | NEWS METEO.IT

È molto importate sottolineare che l’allerta meteo può essere emessa e diramata solo e soltanto dagli organi istituzionali competenti. Come? In Italia la gestione del sistema di allerta nazionale è assicurata dal Dipartimento della Protezione Civile e dalla Regioni attraverso la rete dei Centri Funzionali, delle strutture regionali e dei Centri di Competenza. Osservando le previsioni delle 24-48 ore successive, viene diramato ogni giorno a metà pomeriggio un bollettino di criticità a livello nazionale che descrive i possibili rischi sul territorio causati dall'arrivo del maltempo. Nessun sito meteo privato può emettere allerta in nessun caso, anche perché si verrebbe a configurare un potenziale reato penale, secondo l’articolo 658 del Codice Penale (procurato allarme). Quando viene diramata una allerta meteo si tratta di un avviso istituzionale ufficiale fondamentale per la prevenzione dei rischi connessi ad eventi meteo e, per questo motivo, va trattato con estrema serietà perché si tratta di rischi che hanno a che fare con la vita delle persone. "La prevenzione - così spiega la Protezione Civile - consiste nelle attività volte ad evitare o ridurre al minimo la possibilità che si verifichino danni conseguenti, ad esempio, a un’alluvione o una frana"

I livelli di allerta

Esistono 4 livelli di criticità: Verde (criticità assente), Giallo (ordinaria criticità), Arancione (moderata criticità) e Rosso (elevata criticità). L'allerta può riguardare fenomeni meteorologici o idrologici (cioè derivanti dall'azione delle acque superficiali come fiumi o torrenti) i cui effetti possono essere localizzati o diffusi sul territorio.

I livelli di allerta

Previsione

La primavera alza la voce

La primavera alza la voce

Tra venerdì e domenica clima da primavera inoltrata. Residua instabilità nelle Isole

Ultime news

Le news più lette