Pioggia di stelle cadenti nel cielo di maggio

Sono le Eta Aquaridi, uno sciame che si ritiene sia stato originato dalla cometa di Halley e che illuminerà le notti primaverili di questo mese

| Redatto da Meteo.it

A breve il cielo di maggio potrebbe essere ‘bagnato’ da una pioggia di stelle cadenti. Si tratta delle Eta Aquaridi, uno sciame meteorico che si ritiene abbia avuto origine dalla cometa di Halley, una delle stelle periodiche più famose che passa attraverso il sistema solare a intervalli di decine di anni. Le prime Aquaridi sono già state individuate dai radar canadesi, ma il momento clou è previsto nella notte tra il 5 e il 6 maggio, quando potrebbe essere registrata una frequenza di 10-30 meteore l’ora. In Italia sarà possibile assistere a questo spettacolo in particolare dalle regioni del Sud. Quest’ultime, infatti, beneficeranno di un maggior tempo di osservazione, ossia quello che intercorre tra il sorgere del radiante (il punto dal quale sembrano provenire le meteore) e l’inizio del crepuscolo mattutino.

Eta Aquaridi è uno sciame meteorico che si ritiene abbia avuto origine dalla cometa più celebre, quella di Halley

A ricordare questo evento celeste sono gli esperti dell’Unione Astrofili italiani, che dal 5 al 7 maggio saranno Frosinone per il loro cinquantesimo congresso. ''L'osservazione delle Eta Aquaridi – spiegano - quest'anno sarà favorevole perché il novilunio è stato alla fine di aprile''. Gli esperti sostengono che il radiante, collocato nel punto più alto della costellazione dell’Acquario, sarà attivo per quasi un mese, con un aumento visibile di frequenza delle stelle cadenti dal 3 al 10 maggio e un picco, appunto, tra il 5 e il 6. Per uno spettacolo da non perdere.

Previsione

La primavera alza la voce

La primavera alza la voce

Tra venerdì e domenica clima da primavera inoltrata. Residua instabilità nelle Isole

Ultime news

Le news più lette