Emergenza neve. Dramma sulle zone colpite dal Terremoto

Sulle zone interne del Centro Italia, la fase di maltempo volge al termine: ultime nevicate, anche moderate, nella giornata di oggi con forte pericolo valanghe

L'emergenza neve e gelo sulle zone colpite dal terremoto continua anche oggi. Il vortice depressionario rimasto intrappolato nel Mediterraneo Occidentale continuerà a deviare verso la nostra Penisola fredde correnti orientali fino a giovedì: insisteranno quindi le nevicate sul versante adriatico, anche se è prevista un’attenuazione dei venti. La giornata di venerdì vedrà finalmente un miglioramento su tutte le regioni colpite dalla forte ondata di maltempo. Nelle zone colpite dal terremoto e dalle abbondanti nevicate da venerdì si prospetta un graduale miglioramento che, dagli ultimi aggiornamenti, dovrebbe perdurare per tutto al fine settimana. I versanti adriatici, infatti, saranno in una prima fase meno coinvolti da questa perturbazione in arrivo nel weekend.

Nelle prossime ore il pericolo valanghe resta massimo sull'Appennino del Centro Italia. Il manto nevoso è debolmente consolidato e per lo più instabile su tutti i pendii ripidi. 

Acquasanta Terme (AP) - Foto ANSA
Acquasanta Terme (AP) - Foto ANSA
Aringo di Montereale (AQ) - Foto ANSA
Aringo di Montereale (AQ) - Foto ANSA
Campotosto - Foto ANSA
Campotosto - Foto ANSA
Orsogna (CH) - Foto ANSA
Orsogna (CH) - Foto ANSA
Neve ad Amatrice - 5 gennaio 2017
Neve ad Amatrice - 5 gennaio 2017
Neve ad Amatrice - 5 gennaio 2017
Neve ad Amatrice - 5 gennaio 2017
Il centro per gli aiuti dei volontari ad Amatrice - Foto ANSA
Il centro per gli aiuti dei volontari ad Amatrice - Foto ANSA
Crognaleto (Teramo) - Foto ANSA
Crognaleto (Teramo) - Foto ANSA
Montereale (AQ) - Foto ANSA
Montereale (AQ) - Foto ANSA

Giovedì continueranno le nevicate fino a quote molto basse su Marche, Abruzzo e Molise; piogge a tratti moderate in Puglia, anche temporalesche; locali e sporadiche piogge invece in Calabria, Sardegna e Sicilia, con neve fino a quote di 600, 900 metri su Appennino meridionale e rilievi della Sardegna. Intensi venti da nordest su regioni centrali e Sardegna. Temperature con poche variazioni: ancora freddo in gran parte del Paese. 

Venerdì le regioni centrali di ponente godranno di qualche schiarita, più nubi altrove, deboli precipitazioni su Appennino e fascia adriatica (quota neve 200-300 metri) in generale attenuazione durante il pomeriggio, con gli ultimi fenomeni tra Abruzzo e Molise. Poche piogge isolate anche su Puglia, Calabria e Sardegna; in questi settori avremo nubi alternate a schiarite. Temperature massime in aumento su regioni tirreniche e Isole. Venti da Nord-Nordest da moderati a tesi in generale attenuazione.

Emergenza neve. Dramma sulle zone colpite dal Terremoto | NEWS METEO.IT

Previsione

La primavera alza la voce

La primavera alza la voce

Tra venerdì e domenica clima da primavera inoltrata. Residua instabilità nelle Isole

Ultime news

Le news più lette