Eccezionale maltempo: accumuli di pioggia fino a 850 l/mq in Friuli

Raffiche di tempesta, nubifragi e mareggiate: Italia colpita duramente dal maltempo

| Redatto da Meteo.it

Sabato 27 ottobre la perturbazione n. 5 del mese ha iniziato a far sentire i suoi effetti sull’Italia, con venti intensi e umidi meridionali, che hanno scaricato i primi quantitativi rilevanti di piogge su Alpi, Prealpi centro-orientali e in Liguria. La formazione di un vortice di bassa pressione sul Mediterraneo occidentale, domenica 28 ottobre ha fatto sì che il maltempo si estendesse a tutta l’Italia, con le precipitazioni più intense e abbondanti al Nord, sulle regioni tirreniche e sulle zone ioniche. Gli accumuli di pioggia risultavano già superiori ai 300 litri per metro quadro. Lunedì 29 ottobre il maltempo raggiungeva il suo apice a causa del passaggio di questo vortice di bassa pressione molto intenso che, dalla Sardegna, si è diretto verso il Nord Italia. Il fronte freddo associato a questo vortice ha investito il nostro Paese nella seconda parte della giornata, producendo un’estesa linea temporalesca che si è estesa dalle Alpi fino alla Sicilia. Si sono così verificati temporali di forte intensità con nubifragi e un elevato numero di fulminazioni anche in regioni, come quelle del Nord Italia, nelle quali questo fenomeno si verifica raramente in questa stagione.

Maltempo: i danni a Rapallo - Foto ANSA
Maltempo: i danni a Rapallo - Foto ANSA
Maltempo: Adige in piena a Verona - Foto ANSA
Maltempo: Adige in piena a Verona - Foto ANSA
Maltempo: Cortina D'Ampezzo - Foto ANSA
Maltempo: Cortina D'Ampezzo - Foto ANSA
Maltempo: acqua alta a Venezia - Foto ANSA
Maltempo: acqua alta a Venezia - Foto ANSA
Maltempo: Borgo di Boccadasse (Genova) - Foto ANSA
Maltempo: Borgo di Boccadasse (Genova) - Foto ANSA

I forti gradienti di pressione che hanno caratterizzato la situazione nel corso della giornata hanno dato luogo a venti di entità eccezionale su molte regioni, con raffiche fino a 170 km/h sulle coste toscane, intorno a 120 km/h sul litorale romano, ma anche superiori a 100 km/h nella città di Roma. Nel Milanese, lunedì, le raffiche hanno superato i 70 km/h, provocando la caduta di numerosi alberi. Questi intensi venti meridionali hanno provocato mareggiate. Proprio a causa dell’intenso Scirocco, nella laguna veneta si è registrato un picco di marea superiore ai 150 cm (uno tra i valori più alti dell’ultimo decennio). Nonostante il maltempo, a causa della ventilazione meridionale di Scirocco le temperature hanno raggiunto comunque picchi elevati: ad esempio, lunedì si sono registrati 30 gradi a Palermo. Si tratta di valori superiori alla media in quasi tutto il Paese, tranne in alcune zone del Nord-Ovest. Gli accumuli di pioggia di questa fase di maltempo hanno superato i 500 litri al metro quadro sui settori alpini e prealpini del Nord-Est e in alcune zone della Liguria, ma quantitativi fino a 300-400 litri al metro quadro si sono registrati anche a ridosso dei rilievi dell’alto Piemonte, sull’alta Lombardia e, in maniera più localizzata, in Toscana, sui settori appenninici del Centro e all’estremo Sud. Quantitativi di pioggia da record nel Bellunese, dove nell’arco di 72 ore si sono registrati accumuli fino a 530 litri al metro quadro. Su alcune zone alpine del Friuli, addirittura, gli accumuli hanno raggiunto gli 850 litri per metro quadro.

Previsione

La primavera alza la voce

La primavera alza la voce

Tra venerdì e domenica clima da primavera inoltrata. Residua instabilità nelle Isole

Ultime news

Le news più lette