Cronaca meteo: la situazione in tempo reale del 14 gennaio 2016

ore 16:00

Pericolo valanghe ancora alto sulle Alpi

ore 16:00

ore 14:30

Continua a piovere tra Liguria e Toscana dove gli accumuli superano i 40 litri al metro quadrato. Vediamo la situazione in tempo reale dalle webcam:

ore 14:30
Cronaca meteo: la situazione in tempo reale del 14 gennaio 2016 | NEWS METEO.IT
Cronaca meteo: la situazione in tempo reale del 14 gennaio 2016 | NEWS METEO.IT

ore 11:10

Le piogge insisteranno nella giornata di oggi in Toscana soprattutto nella zona tra Massa Carrara e Livorno e nell'entroterra, zone in cui la Protezione Civile ha diramato una allerta arancione per rischio idrogeologico locaizzato.
Allerta arancione su: Versilia, Valdarno Inf., Serchio-Lucca, Serchio-Garfagnana-Lima, Bisenzio e Ombrone Pt, Lunigiana, Reno, Serchio-Costa.

Gli accumuli, visibili qui sotto nella mappa delle precipitazioni di oggi di MeteoNetwork, finora superano i 15 litri per metro quadro.

ore 11:10

ore 10:30

Fiocchi di neve stanno cadendo a Passo del Cerreto sull'Appennino tosco-emiliano. Nevicate sono in atto anche sulle Alpi occidentali.

ore 10:30

ore 09:30

Questa mattina all'alba il cielo era rosso fuoco. Ecco in una raccolta le più belle webcam meteo:

Cielo rosso fuoco > www.meteo.it/live/ <

Posted by meteo.it on Mercoledì 13 gennaio 2016

ore 08:00

Ecco gli ingredienti che caratterizzeranno il fine settimana: molto freddo, forti venti e nevicate fino a bassa quota al Centrosud. Proprio al Centrosud, rispetto ai valori registrati a inizio settimana, arriveremo a perdere fino a 15 gradi.

ore 08:00

ore 07:00

L'immagine aggiornata del satellite ci mostra il passaggio della perturbazione numero 8 di gennaio che riporterà la pioggia su molte zone d’Italia, e in particolare su regioni centrali e parte del Nord, con nevicate sull’Appennino, anche a quote molto basse sui rilievi di Liguria ed Emilia (qui qualche fiocco potrebbe spingersi fin sulle vicine zone di pianura).

ore 07:00

La situazione

Negli ultimi giorni un ampio settore del Vortice Polare, che è la massa d’aria gelida che ruota attorno al Polo rimanendo solitamente confinata alle alte latitudini, ha conquistato zone sempre più meridionali invadendo porzioni sempre più estese dell’Eurasia. Al momento gli aspetti più evidenti di questa “colata artica” sono evidenziati dal gelo estremo presente sull’Europa settentrionale (sfiorati i -40°C in Lapponia) e dalla contemporanea discesa verso le medie latitudini del Fronte Polare, che è la zona di separazione fra l’aria mite delle basse latitudini e quella rigida artica il cui forte contrasto termico produce un corridoio di venti impetuosi a tutte le quote. In particolare in questi giorni, in Italia, siamo alle prese con venti burrascosi occidentali che finora hanno favorito una situazione piuttosto movimentata, ma con temperature decisamente oltre la norma. Questa fase verrà seguita a breve, dopo il rapido passaggio della perturbazione n°8 del mese, dalla graduale estensione dell’Anticiclone delle Azzorre dal medio Atlantico verso il Mare di Norvegia con conseguente rotazione delle correnti atmosferiche che si disporranno prepotentemente da nord sul suo bordo orientale determinando la definitiva invasione dell’aria artica non solo in tutta Europa, ma anche nel Nord Africa. Il fronte di aria artica (per noi si tratta della perturbazione n°9) inaugurerà a partire dal fine settimana una fase marcatamente invernale con un crollo termico anche dell’ordine dei 10-15 gradi in meno rispetto alla situazione attuale e nevicate a bassa quota su parte del territorio.

La situazione

Oggi

Giovedì: al mattino nubi in aumento a partire dal Nordovest e regioni centrali tirreniche con le prime nevicate a bassa quota sulle Alpi occidentali e l’Appennino settentrionale e piogge su Emilia, Liguria e Toscana. Nelle altre zone le schiarite restano ampie. Dal pomeriggio precipitazioni sparse su Liguria, Emilia, Lombardia orientale, pianure del Nordest, regioni centrali tirreniche e Campania. Nevicate oltre 100-400 metri su ovest Alpi, entroterra ligure e rilievi emiliani con parziale coinvolgimento anche nelle vicine aree pedemontane; quota neve intorno a 900-1000 metri, invece, sul resto dell’Appennino centro-settentrionale. Temperature minime in calo ovunque, massime in calo al Centronord, ma con le variazioni più evidenti sulle regioni settentrionali. Venti di Libeccio in rinforzo su quasi tutti i mari.

Oggi

Cos'è successo nei giorni appena trascorsi?

LA CRONACA METEO GIORNO PER GIORNO A GENNAIO 2016
LA CRONACA METEO GIORNO PER GIORNO A DICEMBRE 2015

LA CRONACA METEO GIORNO PER GIORNO A NOVEMBRE 2015
LA CRONACA METEO GIORNO PER GIORNO A OTTOBRE 2015
 
LA CRONACA METEO GIORNO PER GIORNO A SETTEMBRE 2015
LA CRONACA METEO GIORNO PER GIORNO AD AGOSTO 2015
LA CRONACA METEO GIORNO PER GIORNO A LUGLIO 2015
LA CRONACA METEO GIORNO PER GIORNO A GIUGNO 2015
LA CRONACA METEO GIORNO PER GIORNO A MAGGIO 2015
LA CRONACA METEO GIORNO PER GIORNO A APRILE 2015
LA CRONACA METEO GIORNO PER GIORNO A MARZO 2015
LA CRONACA METEO GIORNO PER GIORNO A FEBBRAIO 2015
LA CRONACA METEO GIORNO PER GIORNO A GENNAIO 2015
LA CRONACA METEO GIORNO PER GIORNO A DICEMBRE 2014
LA CRONACA METEO GIORNO PER GIORNO A NOVEMBRE 2014


Pubblicato da meteo.it in data 14 gennaio 2016

Previsione

La primavera alza la voce

La primavera alza la voce

Tra venerdì e domenica clima da primavera inoltrata. Residua instabilità nelle Isole

Ultime news

Le news più lette