Cronaca meteo: la situazione in tempo reale del 14 febbraio 2015

| Redatto da Meteo.it

ore 19:30

La pressione atmosferica torna a diminuire sull’Europa centrale e sul Mediterraneo, mentre l’alta pressione è costretta a ritirarsi verso l’Europa orientale, sotto la spinta di una nuova circolazione depressionaria, con centro attualmente collocato tra il Canale della Manica e la Normandia e associata ad un’attiva perturbazione nord atlantica, la cui parte avanzata ha raggiunto la regione alpina e l’Italia settentrionale. Un secondo fronte perturbato, nel frattempo, si avvicina con il ramo caldo alle Isole britanniche, associato ad un’altra e più profonda depressione con centro in Islanda.

Ne conseguirà, quindi, una nuova fase di maltempo per il settore centrale del Mediterraneo tra la giornata di domenica e la prima parte della settimana, quando l’area ciclonica in ingresso dall’Europa di nordovest si inserirà sui mari italiani attraverso il Golfo di Leone e successivamente scivolerà verso la Sardegna. Nelle prossime 24 ore a subire gli effetti di un tempo perturbato saranno essenzialmente le regioni del Nord Italia, il Sud della Francia e il Nordest della Spagna, con abbondanti nevicate su Alpi e Prealpi a quote collinari. A fine giornata arriveranno precipitazioni intense su Irlanda e Scozia, mentre più ad est, sulla Penisola scandinava si consoliderà l’alta pressione, favorendo un ulteriore raffreddamento in tutto il Nordest europeo.

ore 19:30

ore 19:00

Sull'arco Alpino il pericolo valanghe rimane principalmente di grado 3, marcato, sui rilievi centro-orientali, ma le nuove nevicate potrebbero aumentare il rischio valanghe tra domenica e l'inizio della prossima settimana.

►Leggi il bollettino

►Cosa indicano gli esperti nivologici 

ore 19:00

ore 18:30

Nella notte di oggi al Nordovest cielo molto nuvoloso o coperto con precipitazioni diffuse. Nel corso della notte i fenomeni tenderanno ad esaurirsi su ovest e sud del Piemonte e sulla Liguria di ponente, si indeboliranno molto in Val d’Aosta, mentre si intensificheranno tra est del Piemonte e ovest della Lombardia dove la quota neve potrebbe scendere fino a 200-300 metri. Su Alpi e Prealpi centrali neve a tratti fino al fondovalle. Temperature minime in lieve calo. I venti saranno moderati meridionali sul mar Ligure, altrove in prevalenza deboli. Mare mosso. Al Nordest cielo molto nuvoloso o coperto con precipitazioni deboli e sparse più probabili su centro-ovest Emilia, centro nord del Veneto, Trentino e Friuli. Quota neve sugli 800-1000 metri in Appennino, 500-700 metri altrove. Temperature minime stazionarie o in lieve rialzo. Venti deboli, ma con rinforzi di Scirocco sul mare Adriatico, che tenderà a divenire mosso. Nelle regioni adriatiche a tratti ancora qualche schiarita. Per il resto delle regioni centrali cielo nuvoloso, fino a molto nuvoloso sulla Toscana dove sarà alta la probabilità di precipitazioni, con possibili rovesci o temporali in costa. Locali fenomeni in estensione a ovest Umbria e alto Lazio. Temperature minime in rialzo sul lato tirrenico. Venti meridionali, moderati sul mar Tirreno e al largo sull’Adriatico, dove i mari saranno mossi. Al sud nuvolosità variabile, con maggiori schiarite nel nord della Puglia. In generale il rischio di eventuali precipitazioni resterà basso, ma non si possono escludere del tutto nei settori ionici della Calabria e sulla bassa Campania. Temperature minime in rialzo. Venti deboli meridionali, con locali rinforzi sui mari, che saranno da poco mossi a localmente mossi. In Sicilia cielo nuvoloso, a tratti ancora molto nuvoloso. La probabilità di eventuali locali precipitazioni resterà bassa. Temperature minime quasi stazionarie. Venti deboli con rinforzi da ovest nel canale di Sicilia e sul Tirreno al largo, che saranno mossi. Poco mossi gli altri mari. Nubi sparse e variabili in tutta la Sardegna, ma in generale con basso rischio di precipitazioni. Temperature minime in lieve rialzo. Venti moderati tra ovest e sudovest, localmente forti nel Canale. Mari mossi, fino a molto mosso il Tirreno al largo e il Canale di Sardegna.

ore 18:30

ore 18:00

Ancora piogge sulla Liguria di Ponente e a tratti anche sul Basso Piemonte, come mostra l'immagine del radar della Protezione Civile:

ore 18:00

ore 17:00

Dal satellite è già visibile la perturbazione nr.5 che, dalla seconda parte di domenica, porterà un nuovo peggioramento a iniziare dal Nordovest e dalla Sardegna con il rischio di rovesci o temporali a tratti di forte intensità.  Da lunedì la perturbazione si posizionerà nei pressi della Penisola associata ad un vortice di bassa pressione, portando molta instabilità almeno fino a metà settimana. 

ore 17:00

ore 16:00

Anche domenica la neve cadrà in modo abbondante sulle zone alpine e sull'Appennino settentrionale. Previsti accumuli anche di 20-30 centrimentri al di sopra dei 1500 metri di quota.  

ore 16:00

ore 15:00

La zona dove la giornata ha visto le maggiori schiarite è stato il versante del medio e basso Adriatico e le zone ioniche. In Puglia sono stati registrati valori massimi al di sopra delle medie, con picchi di 15°C a Brinsidi.  

ore 15:00

ore 14:00

La perturbazione sta colpendo in modo particolare la Lombardia, la Liguria, le coste toscane e l'Emilia occidentale. Gli accumuli maggiori sono segnalati sull'alta Toscana con quasi 30 mm di pioggia caduti dalla mezzanotte. 

ore 14:00

ore 13:00

Alcuni temporali sono in atto sulle coste del pisano, in Toscana. Nel genovese raggiunti 41 mm dalla mezzanotte.  

ore 13:00

ore 12:00

Estremi termici delle ore 12 in Italia: si passa da -12°C sul Plateau Rosa, fino a 16°C in Sardegna orientale. La zona più fredda rimane quelle dell'Emilia occidentale, anche a causa dell'effetto della neve ancora al suolo.  

ore 12:00

ore 11:00

Le piogge stanno interessando la Lombardia, l'Emilia occidentale, l'alta Toscana e parte delle Isole maggiori. Gli accumuli più abbondanti tra la Liguria centro-orientale e la Toscana, ma con valori al momento non preoccupanti. 

ore 11:00

ore 9:30

Mentre diverse regioni del Paese sono alle prese con il maltempo, splende il sole lungo l'Adriatico. Cielo sereno anche  in Salento. 

ore 9:30

ore 8:30

Nevica abbondantemente sulle Alpi occidentali: in queste zone nel corso del weekend potranno esserci accumuli superiori ai 50 centrimetri al di dopra dei 1500 metri.  

ore 8:30

ore 7:30

La perturbazione nr. 4 del mese è arrivata sulItalia e sta portando piogge al Nordovest, Emilia occidentale e nord della Sicilia. Accumuli oltre i 20 mm dalla mezzanotte nel genovese.  

ore 7:30

la situazione

Dopo alcune giornate con il dominio dell’alta pressione il tempo è in peggioramento ad iniziare dal Nord, dai versanti tirrenici e dalle Isole per l’arrivo di due perturbazioni atlantiche in rapida sequenza (la n.4 e la n.5 del mese).

La prima arriverà oggi al Nord e Toscana, con neve sulle Alpi, a quote collinari in Piemonte e ovest Lombardia. Qualche pioggia anche su zone tirreniche e Isole. Domenica arriverà la seconda perturbazione con piogge più probabili al Nord e Sud e ancora neve a bassa quota sulle Alpi. Le temperature non subiranno un calo al Centrosud nonostante il peggioramento, e questo per effetto dei venti meridionali. Questa seconda perturbazione insisterà anche all’inizio della prossima settimana causando forti piogge e rovesci dapprima al Nord e lungo il versante tirrenico, successivamente anche nelle regioni adriatiche r ioniche.

la situazione

La pioggia prevista al Nord avrà però il merito di abbattere il livello degli inquinanti atmosferici, attualmente molto alto in Valpadana (in molte città la concentrazione del PM10 supera i 100 microgrammi al metro cubo contro un livello limite di 50) .

► Valori di smog molto alti al Nord

Cronaca meteo: la situazione in tempo reale del 14 febbraio 2015 | NEWS METEO.IT

oggi

Resiste un po’ di sole sul medio e basso Adriatico, cielo da parzialmente nuvoloso a molto nuvoloso invece nel resto del Paese. Piogge isolate su Lazio, bassa Campania, Sicilia, Calabria ionica meridionale, nordovest della Sardegna.

oggi

Piogge più probabili e diffuse al Nordovest, Toscana e settori occidentali di Emilia e Veneto. Neve su Alpi ed Appennino settentrionale, fino a quote di 300-400 metri su Piemonte e nordovest della Lombardia. Entro notte piogge in estensione all’estremo nordest e alla Romagna e possibili rovesci o temporali sulla Liguria di levante. Temperature massime in lieve calo su Alpi e Nordovest. Venti deboli meridionali con locali rinforzi su Mar Ligure, alto Tirreno e Sicilia.

Cronaca meteo: la situazione in tempo reale del 14 febbraio 2015 | NEWS METEO.IT

COS'È SUCCESSO NEI GIORNI APPENA TRASCORSI?

LA CRONACA METEO GIORNO PER GIORNO A FEBBRAIO 2015

LA CRONACA METEO GIORNO PER GIORNO A GENNAIO 2015

LA CRONACA METEO GIORNO PER GIORNO A DICEMBRE 2014

LA CRONACA METEO GIORNO PER GIORNO A NOVEMBRE 2014


Pubblicato da Meteo.it in data 14 febbraio 2015 

COS'È SUCCESSO NEI GIORNI APPENA TRASCORSI?

Previsione

La primavera alza la voce

La primavera alza la voce

Tra venerdì e domenica clima da primavera inoltrata. Residua instabilità nelle Isole

Ultime news

Le news più lette