Bandiera Blu 2017: il nostro mare è più pulito

Salgono a 342 le spiagge sulle quali sventola la bandiera blu: ecco quali sono le spiagge migliori d’Italia

| Redatto da Meteo.it

La bandiera blu è un riconoscimento internazionale che viene conferito ogni anno dalla FEE, la Foundation for Environmental Education, a spiagge, approdi e località balneari che soddisfano numerosi criteri di qualità relativi alle acque di balneazione e ai servizi offerti: quest’anno siamo giunti alla trentesima edizione. Nel 2017 l’Italia ha ottenuto in tutto 342 bandiere blu, ben 49 in più rispetto a quelle del 2016. In testa alla classifica delle regioni più premiate si conferma la Liguria, che quest’anno può vantare addirittura 27 bandiere blu, seguita dalla Toscana, che ne ha 19, e le Marche, le cui spiagge sono state premiate con 17 bandiere blu. Sempre più numerose anche le bandiere blu per i laghi: in Trentino Alto Adige sono 10, il doppio rispetto a quelle dell’anno scorso, due in Piemonte e una in Lombardia.

Bandiera Blu 2017: il nostro mare è più pulito | NEWS METEO.IT

Le spiagge migliori

La regione Abruzzo ha ottenuto un totale di 8 bandiere blu, nelle province di Chieti e Teramo.
Due bandiere blu per la Basilicata: una in provincia di Matera, l’altra in provincia di Potenza.
Sono quattro le province della Calabria che hanno ottenuto un totale di 7 bandiere: sono Catanzaro, Cosenza, Crotone e Reggio Calabria.
La Campania è la regione del Sud Italia che ha ottenuto il maggior numero di bandiere blu, in tutto 15: due in provincia di Napoli, tutte le altre in provincia di Salerno. 6 bandiere sono state ricevute da altrettante località dell’Emilia Romagna, nelle province di Ferrara, Forlì-Cesena, Ravenna e Rimini. Il Friuli-Venezia Giulia ha ottenuto due bandiere: una in provincia di Gorizia e l’altra in provincia di Udine.
Per il Lazio, 8 bandiere blu: sette in provincia di Latina, una in provincia di Roma. Come già visto, la Liguria si conferma regina d’Italia con le sue 27 bandiere blu. Si trovano nelle province di Genova, Imperia, La Spezia e Savona. Anche la Lombardia ha ottenuto una bandiera blu, grazie a una località del lago di Garda: è Gardone Riviera, in provincia di Brescia.
La regione Marche è al terzo posto, dopo Liguria e Toscana, con 17 bandiere: sono nelle province di Ancona, Ascoli Piceno, Fermo, Macerata, e Pesaro e Urbino. Due bandiere per il Molise, entrambe in provincia di Campobasso, e per il Piemonte, in provincia di Verbano-Cusio-Ossola.
La Puglia ha ottenuto 11 bandiere blu: sono nelle province di Bari, Barletta-Andria-Trani, Brindisi, Lecce e Taranto. 11 bandiere blu anche per la Sardegna: sono andate a località delle province di Cagliari, Ogliastra, Olbia-Tempio, Oristano e Sassari. La Sicilia ne ha ottenute in tutto 7, comprese nelle province di Agrigento, Messina e Ragusa.
La Toscana, al secondo posto fra tutte le regioni italiane, ha raggiunto un totale di 19 bandiere blu: sono nelle province di Grosseto, Livorno, Lucca, Massa-Carrara e Pisa. 10 bandiere blu per le località lacustri del Trentino Alto Adige, tutte in provincia di Trento, 8 per il Veneto, nelle province di Rovigo e Venezia.

Le spiagge migliori

Come viene assegnata la Bandiera Blu?

Ogni anno la FEE rivede i requisiti necessari per ottenere l’ambito riconoscimento, con l’obiettivo di stimolare costantemente le amministrazioni a gestire nel migliore dei modi il proprio territorio e a offrire servizi turistici di qualità con il minor impatto ambientale possibile. Una Giuria Nazionale valuta ogni località, con il contributo di istituzioni pubbliche tra cui il Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, il Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali, il Comando Generale delle Capitanerie di Porto, l’ISPRA, il Comando dei Carabinieri per la Tutela dell’Ambiente.
I criteri utilizzati per esaminare le località candidate sono più di 30 e riguardano tre ambiti fondamentali. Il primo, naturalmente, è rappresentato dalla qualità delle acque di balneazione, che viene verificata con diverse analisi e regole più restrittive rispetto alle norme nazionali.
Il secondo ambito esaminato è quello della gestione ambientale: comprende criteri che riguardano, tra le altre cose, la pulizia delle spiagge, la disponibilità di contenitori per la raccolta differenziata, la manutenzione di edifici e attrezzature. La terza e ultima categoria dei requisiti necessari per ottenere la bandiera blu riguarda i servizi offerti e la sicurezza: la Giuria valuta le località anche in base alla disponibilità di personale e attrezzature di salvataggio e di adeguate misure di sicurezza per la tutela dei bagnanti, alla presenza di accessi e servizi per disabili e all’esistenza di fonti di acqua potabile.

Previsione

La primavera alza la voce

La primavera alza la voce

Tra venerdì e domenica clima da primavera inoltrata. Residua instabilità nelle Isole

Ultime news

Le news più lette