Ambiente Italia: cosa vedere in Sicilia?

La Valle dei Templi, ad Agrigento: patrimonio mondiale dell’Umanità

| Redatto da Meteo.it

La Valle dei Templi si trova ad Agrigento, in Sicilia. Considerata Patrimonio Mondiale dell’Umanità dall’Unesco, rappresenta uno dei complessi archeologici più importanti dell’intero Mediterraneo. Con un’estensione di 1.300 ettari, è il sito archeologico più grande del mondo.
Il Parco ospita un totale di dieci templi, dedicati alle divinità della Magna Grecia. Il meglio conservato è il Tempio della Concordia. Gli altri sono dedicati a Giunone, Zeus, Ercole, Efesto, Demetra, Esculapio, Atena, Iside, e Castore e Polluce. Qui si trovano anche i resti dell’agorà, che era il centro della vita pubblica cittadina, e i mosaici dei pavimenti delle zone residenziali dei cittadini. Appena fuori dalla città antica si trova una ricca zona di necropoli greche, romane e paleocristiane.

La storia
La storia della Valle dei Templi ebbe inizio nel VI secolo a.C. con la fondazione di Akragas, una delle colonie greche più importanti della Sicilia. L’antica polis fu costruita su un altopiano nell’entroterra, ma aveva accesso al mare. Grazie all’abbondante produzione di cereali, olio e vino, e al fiorire di allevamenti di bestiame, nell’arco di alcuni decenni dalla fondazione Akragas divenne uno dei centri più popolati e più influenti dell’antico mondo mediterraneo. Con le guerre puniche la città passò in mano ai romani, che le diedero il nome di Agrigentum: iniziò così un periodo di decadimento della città. Nel VI secolo d.C. Agrigento e tutta la Sicilia furono conquistate dalle armate dell'Impero Romano d'Oriente: sotto l'imperatore Giustiniano ebbe inizio il dominio bizantino. Nel IX secolo Agrigento passò sotto il dominio arabo-musulmano, destinato a durare per oltre due secoli: in questo periodo, la città fu un importante centro agricolo e commerciale.

Scopri lo speciale Ambiente Italia dedicato ad alcune delle destinazioni più belle del Paese

Previsione

La primavera alza la voce

La primavera alza la voce

Tra venerdì e domenica clima da primavera inoltrata. Residua instabilità nelle Isole

Ultime news

Le news più lette