Francia, le 5 regole per migliorare la vita di orche e delfini in cattività

Un decreto ministeriale rivoluziona il trattamento di questi magnifici animali negli acquari

| Redatto da

Forse è prematuro dire che orche e delfini francesi potranno presto essere liberi di nuotare negli oceani senza alcun tipo di vincolo. Quel che è certo, piuttosto, è che Parigi ha compiuto un primo passo significativo verso il miglioramento delle condizioni di vita in cattività di questi mammiferi emanando un decreto ministeriale ad hoc. Il nuovo provvedimento, infatti, indica in cinque punti la modalità di gestione e trattamento dei cetacei nei centri specializzati. E soprattutto dà una finestra di tre anni a tutti gli stabilimenti per conformarsi al nuovo regolamento. Certo la libertà vera e propria resta un’altra cosa, ma forse la strada intrapresa potrebbe essere quella giusta.

Un delfino sorridente

Le nuove regole nel dettaglio

1 - I bacini che ospitano i mammiferi dovranno essere ampliati del 150% così da garantire a orche e delfini di tenersi lontani dai visitatori.

2 - L’acqua dove nuotano non dovrà essere trattata con il cloro.

3 - Nei centri adibiti ci dovranno essere degli assistenti in numero proporzionale ai cetacei, con formazione specializzata.

4 - Sarà, poi, vietata l’immersione del pubblico nei bacini frequentati dai mammiferi e il contatto diretto.

5 – Stretto controllo dell'attività riproduttiva di questi animali che dovrà essere consentita solo nel caso in cui la configurazione e le dimensioni dei bacini lo permetteranno.

Previsione

La primavera alza la voce

La primavera alza la voce

Tra venerdì e domenica clima da primavera inoltrata. Residua instabilità nelle Isole

Ultime news

Le news più lette