SIMONE ABELLI

Intervistiamo uno dei volti di Meteo.it

La foto

La foto

Data di nascita:

24 Marzo 1967 

Ci puoi spiegare la tua passione per la Meteorologia?

Sin da ragazzo ho sempre avuto una passione per gli eventi atmosferici, dopo il diploma di Perito in Elettronica Industriale ho svolto il servizio di leva nella brigata paracadutisti "Folgore", conseguendo il brevetto di Paracadutismo Militare, diciamo che osservare il cielo da vicino mi ha portato alla laurea in Fisica dell'Atmosfera con una tesi sull’analisi statistica delle situazioni meteorologiche a scala europeo-mediterranea legate agli eventi alluvionali che hanno interessato l’Italia a partire dagli anni ‘70.

Dopo la Laurea?

Ho collaborato in progetti inerenti i cambiamenti climatici presso la Regione Lombardia e finanziati dalla Comunità Europea.

Come sei giunto in televisione?

Dal 1999 collaboro con il Centro Epson Meteo. Poi dal gennaio 2008 sono entrato a far parte dei meteorologi di Mediaset per Tg4 e Studio Aperto. Ho anche scritto due libri in collaborazione con gli attuali colleghi: “Il clima dell’Italia nell’ultimo ventennio” e “Manuale di meteorologia”.

 

(Abiti Gruppo Inghirami)

Previsione

La primavera alza la voce

La primavera alza la voce

Tra venerdì e domenica clima da primavera inoltrata. Residua instabilità nelle Isole

Ultime news

Le news più lette