Previsione sulla stagione degli uragani 2013

Secondo gli ultimi studi quest'anno l'attività sarà più intensa rispetto agli ultimi trent'anni

Gli scienziati dell’Università del Colorado hanno pubblicato le previsioni per la stagione degli uragani 2013 del bacino atlantico, che come tutti gli anni avrà inizio ufficialmente il 1 giugno e terminerà il 30 novembre.
Secondo questa ricerca c’è da attendersi una stagione con un’attività più intensa rispetto alla media del trentennio 1981-2010. La ricerca, in particolare, stima per il 2013 lo sviluppo di un maggior numero di tempeste tropicali rispetto alla media (18 contro 12), ma anche di uragani (9 contro 6.5), 4 dei quali potrebbero diventare “major hurricanes” (cioè di categoria 3 o superiore). Ma lo studio ha preso in considerazione anche il rischio che almeno uno di questi major hurricane investa le zone costiere degli Stati Uniti: la probabilità che ciò accada è risultata del 72% per la prossima stagione, rispetto ad una media nell’ultimo secolo del 52%. Tra i fattori presi in considerazione nella ricerca, e che hanno portato ai risultati descritti, vi sono l’anomalo riscaldamento del settore tropicale dell’Oceano Atlantico verificatosi negli ultimi mesi e la probabilità relativamente bassa che si verifichi un evento di El Niño durante la prossima estate o in autunno. Gli autori della ricerca nelle loro conclusioni ci tengono però a mandare un messaggio alla popolazione residente nelle zone costiere a rischio di uragani: è necessario farsi trovare preparati allo stesso modo tutti gli anni, indipendentemente da quale sia la previsione circa l’attività degli uragani di una particolare stagione.

Previsione sulla stagione degli uragani 2013 - Previsioni | METEO.IT
Previsione sulla stagione degli uragani 2013 - Previsioni | METEO.IT

Altre notizie:

Sandy cancellato dalla lista dei nomi degli uragani

Delfini salvati dai bagnanti

Il disgelo del Polo Nord

Previsione

La primavera alza la voce

La primavera alza la voce

Tra venerdì e domenica clima da primavera inoltrata. Residua instabilità nelle Isole

Ultime news

Le news più lette