Meteo.it non dà i nomi agli anticicloni

Basta con nomi bizzarri e toni allarmistici

Né draghi né creature mitologiche: noi di Meteo.it non diamo nomi agli “anticicloni” semplicemente perché si tratta sempre degli stessi due: Anticiclone delle Azzorre e Anticiclone Africano. 
Chiamereste vostro figlio in modo diverso ogni volta che ha la febbre? Ovviamente no!.
I lanci di alcune Agenzie di stampa, riprese da altre fonti meteorologiche, hanno iniziato a diffondere nomi mitologici e allarmistici per denotare le fasi di caldo o di maltempo. Si tratta di un grossolano errore e vi spieghiamo volentieri il perché.
 
Anticiclone delle Azzorre è una alta pressione “buona che si situa solitamente sull’Oceano Atlantico e porta un caldo senza eccessi e il clima gradevole tipico dell’estate mediterranea.
 
L’Anticiclone Nordafricano è un’alta pressione che interessa in modo permanente tutta l'area dell'Africa settentrionale, dove garantisce una continua e persistente stabilità atmosferica, oltre che un clima molto caldo. Il deserto del Sahara è proprio il risultato della presenza continua dell’Anticiclone Nordafricano. Durante l’estate questa struttura tende a espandersi e a rigonfiarsi verso l’Europa, arrivando anche in Italia, causando quelle che definiamo “ondate di calore”. 
  
Spesso avrete sentito nominare tifoni, cicloni tropicali o uragani (come i devastanti Sandy o Katrina che hanno colpito negli ultimi anni gli Usa), ma si tratta di fenomeni estremi temporanei che hanno un inizio e una fine ben precisi. Non si tratta quindi di quelle strutture fisse che ciclicamente portano caldo e tempo stabile o fasi perturbate da migliaia di anni. Questo tipo di violente perturbazioni come gli uragani vengono nominate per essere ricordate più facilmente e a tale scopo vengono redatte, da organismi meteorologici di livello mondiale, delle liste contenenti una serie di nomi in ordine alfabetico. Perché in ordine alfabetico? Perché per ogni annata, osservando a quale lettera si è arrivati alla fine, si ottiene subito il numero delle perturbazioni o delle aree di bassa pressione e quindi un’indicazione di massima sul carattere – più o meno piovoso – di tale annata, inoltre con l’utilizzo delle lettere si riesce a capire facilmente in quale periodo dell’anno si sono verificati (un uragano con la A sarà all’inizio dell’anno mentre un tifone con la Z sarà verso la fine). 
 
Meteo.it dedica da sempre, seriamente, il proprio tempo e le proprie energie per migliorare l’affidabilità delle previsioni, offrendo un servizio accurato ed attendibile.
Meteo.it non si diverte a nominare le fasi di caldo o di maltempo con nomi di bassa e piccola fantasia.
 
Con buona pace di chi svilisce costantemente la Scienza, ridicolizzando la Meteorologia e le tante persone che la seguono.
Meditate gente meditate...

Meteo.it non dà i nomi agli anticicloni - Previsioni | METEO.IT

Pubblicato da Meteo.it in data: giugno 2013 

 

LEGGI ANCHE:

METEO TERRORISMO: ORA BASTA

In meteorologia non esistono draghi nè hot storm 

Hannibal è una Bufala!

Previsione

La primavera alza la voce

La primavera alza la voce

Tra venerdì e domenica clima da primavera inoltrata. Residua instabilità nelle Isole

Ultime news

Le news più lette