La violenta tempesta di neve che si è abbattuta sulla costa nord-orientale degli Usa

Sette gli stati in cui è scattata l'allerta. Sette vittime, in migliaia senza corrente elettrica

La forte tempesta di neve, accompagnata da venti con raffiche fino a 110 km/h, ha raggiunto nei giorni scorsi le coste nord-orientali degli Stati Uniti. Duramente colpita la città di New York. Sulle coste atlantiche si sono registrate onde alte fino a 2 metri. In alcune aree, la potenza di questa perturbazione ha raggiunto quella di un uragano di categoria 1. Il bilancio parla di sette vittime e migliaia di persone senza corrente elettrica. Il maltempo, causato da questa tempesta che i media statunitensi hanno ribattezzato "Monster blizzard", ha raggiunto tra sabato e domenica il suo apice. La situazione per fortuna è migliorata. Nelle prossime ore sono però previste piogge su tutta la East Cost con la neve che cadrà nella zone dei grandi laghi. La perturbazione ha lasciato abbondanti accumuli di neve al suolo: fino a 1 metro di neve in Connecticut. Battuti anche alcuni record: per esempio a Portland, nel Maine, dove non si era mai registrato in precedenza un accumulo di 80 cm di neve.

La violenta tempesta di neve che si è abbattuta sulla costa nord-orientale degli Usa - Previsioni | METEO.IT

ALTRE NEWS

Rischio valanghe

Il riscaldamento globale

Gli italiani e la meteorologia  

Le nostre pevisioni aggiornate

 

Previsione

La primavera alza la voce

La primavera alza la voce

Tra venerdì e domenica clima da primavera inoltrata. Residua instabilità nelle Isole

Ultime news

Le news più lette