LE NEWS IN TEMPO REALE 24 ORE SU 24. VIDEO, CRONACA, TELEVISIONE, SPORT, MOTORI, VIAGGI

Irma, il devastante uragano ha raggiunto la Florida

I suoi venti hanno raggiunto i 215 km/h. Circa 1,1 milione di utenze rimaste senza elettricità

| Redatto da Meteo.it

L'uragano Irma ha raggiunto la Florida: prime vittime e inondazioni a Miami. Oltre 1,1 milione di utenze rimaste senza elettricità.
In queste ore l'uragano si sta dirigendo verso la costa ovest della Florida continentale.
Il governatore della Florida, Rick Scott, esorta gli abitanti delle zone più a rischio a evacuare rapidamente le proprie abitazioni: «possiamo ricostruire la vostra casa, non la vostra vita»

Irma, il devastante uragano ha raggiunto la Florida | NEWS METEO.IT

Irma è un uragano che ha mantenuto intensità da categoria 5 per 69 ore consecutive, battendo il precedente record atlantico di 42 ore. Categoria 5 indica la massima intensità possibile, inoltre è il secondo uragano più potente che sia mai stato registrato sull'Atlantico.
Mercoledì ha devastato Barbuda, sul territorio francese di Saint Martin, dove si calcola che sia stato distrutto il 95% delle abitazioni, e secondo gli ultimi aggiornamenti ha causato la morte di almeno 17 persone.

In Florida l'allerta è al massimo livello e procedono le operazioni di evacuazione. Questo potentissimo uragano porterà piogge alluvionali: sono attesi in sole 48 ore fino a 400 litri di pioggia per metro quadrato e una storm surge fino a 4 metri. Le zone costiere sono ad altissimo rischio di devastazione. La forza del vento potrebbe scoperchiare i tetti, sbriciolare i muri, distruggere i pali elettrici, inondare porti e coste.

Irma, il devastante uragano ha raggiunto la Florida | NEWS METEO.IT

La maggiore preoccupazione non solo è causata dal vento fortissimo ma anche dalle piogge e delle onde di tempesta (storm surge), l'effetto più devastante, che in alcune zone (Turks and Caicos e le Bahamas sudorientali) ha colpito la costa con un'altezza di 6 metri.
L'uragano sta scaricando al suolo accumuli di pioggia di 200-500 litri per metro quadrato
, praticamente mezzo metro di pioggia (500 millimetri). 
Attualmente il minimo di pressione all'interno dell'occhio di Irma è di 930 hPa, e nei giorni scorsi ha raggiunto i 914 hPa, un valore molto inferiore all'uragano Harvey (943 hPa): minore è la pressione all'interno di un uragano o tifone, maggiore è la sua intensità.

La temperatura del mare influisce sulla potenza di Irma

La temperatura della superficie del Mar dei Caraibi è di 30°C: l'anomalia infatti è di ben 2°C oltre la norma, un valore che non fa che aumentare la potenza distruttiva. 
L’aumento della temperatura superficiale del mare è un fattore determinante: per ogni mezzo grado in più di anomalia abbiamo un aumento di circa il 3% del contenuto medio di umidità atmosferica, vero e proprio carburante per perturbazioni, tempeste e uragani. Per questo motivo un’anomalia di temperatura superficiale del mare intorno ai 2°C, si traduce in un surplus di umidità considerevole capace di aumentare il potenziale rischio legato al passaggio dell'uragano.

La temperatura del mare influisce sulla potenza di Irma

Altri due uragani si stanno intensificando

Oltre a Irma, sull'Atlantico sono presenti altri due uragani.
Katia è diventato una tempesta dopo essere stato un uragano di categoria 1 e ha effettuato il land-fall in prossimità dello stato messicano di Veracruz. 
Jose attualmente ha raggiunto la categoria 4 con venti a 260 km/h. L'uragano si sta spostando in direzione Nord-Ovest ed è probabile che si avvicini a Barbados in poco più di un giorno.

Isole Vergini Britanniche: la devastazione dopo il passaggio di Irma

Ultime news

Le news più lette