LE NEWS IN TEMPO REALE 24 ORE SU 24. VIDEO, CRONACA, TELEVISIONE, SPORT, MOTORI, VIAGGI

Stop all'emergenza idrica: con un software perdite e sprechi d’acqua ridotti

Ideato dall'Università Bicocca permette di monitorare l'efficienza degli acquedotti

| Redatto da Meteo.it

Mentre l'Italia vive una delle più gravi emergenze idriche degli ultimi anni, dall'Università di Milano-Bicocca arriva una risposta mirata non a risolvere, ma almeno a tamponare la componente umana responsabile dello spreco idrico. Infatti un team di ricercatori del Dipartimento di Informatica ha messo a punto un sistema che mira a ridurre del 30-40% gli sprechi idrici presenti negli acquedotti. Il software individua le perdite occulte nelle reti urbane di distribuzione attraverso i dati di monitoraggio della pressione e della portata d'acqua, una simulazione idrica e l'analisi dei numeri complessivi del sistema. Il programma è stato elaborato creando delle perdite controllate per verificare se il sistema fosse in grado di localizzarle.

Rubinetti a secco per la siccità

Attraverso questo software è possibile ridurre tempi e costi della localizzazione sul campo delle perdite, provocando un calo degli sprechi e della pressione nelle reti idriche. È disponibile online e si può applicare a qualsiasi città. “Il risparmio possibile di acqua – spiegano Francesco Archetti e Antonio Candelieri - dipende dalla situazione specifica, in particolare: età dell’infrastruttura, densità abitativa e strumenti di monitoraggio disponibili. Un intervento coordinato di gestione della pressione, interventi sulle tubature e gestione efficiente dei dati, in particolare per la ricerca perdite, possono portare a risparmi intorno al 30-40 per cento con vantaggi significativi anche sull’energia consumata”.

Sistema in funzione su un distretto milanese: in rosso le condotte con maggiore probabilità di essere affette da perdita

Il sistema messo a punto è già stato testato simulando delle perdite controllate in posizioni sconosciute sia a Milano che a La Spezia per quanto riguarda l'Italia, ma anche all'estero nell'acquedotto di Timisoara (Romania).

Ultime news

Le news più lette